Palazzo Mulinaris

Edificio di sei piani che rappresenta uno dei più precoci esempi di razionalismo udinese.

Il progetto di questo palazzo fu commissionato dal signor Mulinaris all’architetto friulano Ermes Midena (1895-1927), che lo disegnò nel 1926, mentre la sua realizzazione risale al biennio 1929-1930.  Quest’edificio di sei piani è importante perché rappresenta, di fatto, uno dei più precoci esempi di razionalismo udinese, con la sua ricerca sui materiali e la peculiare sensibilità per gli accostamenti. La struttura del palazzo è infatti realizzata in travi e solaio di cemento armato; l’accesso ai piani, ognuno dei quali ospita un alloggio, è dato da un unico corpo in pietra artificiale situato all’estremità ovest del blocco architettonico. Particolarmente innovativi si presentano gli elementi a sbalzo sul percorso pubblico: vani d’angolo in vetro e terrazze aggettanti che dimostrano, ancora una volta, la particolare attenzione ai materiali (marmi colorati e lucidi al piano terra, l’intonaco della facciata a marmorino, altre parti in ferro e bronzo). 

Edificio privato.