Case di via Girardini

Zona di nuovi edifici abitativi tra via Girardini e via Asquini.

Negli anni Venti del Novecento vennero costruiti, in questa zona, diversi nuovi edifici abitativi progettati dall’architetto Ettore Gilberti: a quest’altezza cronologica, infatti, vennero lottizzate le vaste aree verdi ancora presenti ai margini del nucleo più antico della città e venne definito, in maniera definitiva, il tracciato di via Girardini e via Asquini. Tra queste nuove costruzioni possiamo ricordare Villa Pascoletti, Villa Conti-Pettoello, Villa Freschi e Casa Sottocorona. La prima, costruita tra il 1925 e il 1929, è un edificio unifamiliare con un profondo portico sotto il quale si apre il portone d’accesso. La facciata verso via Girardini è caratterizzata da una ricca decorazione di mattoni rossi e intonaco dipinto con figure ocra e geometrie color rosso cupo. La seconda, Villa Conti-Pettoello, è stata costruita nel 1924; la facciata principale è bipartita, perché composta dal corpo occidentale, che si sviluppa su due piani, e dal corpo orientale, più alto del precedente, che forma una sorta di torretta allungata verso il giardino. Villa Freschi, sempre progettata da Ettore Gilberti, è stata realizzata tra il 1924 e il 1925. L’edificio presenta un impianto planimetrico quadrato e la costruzione si articola volumetricamente in due parti: il corpo sovrastante l’ingresso di tre piani fuori terra con sottotetto e l’altro corpo di un piano più basso. Da ultima troviamo Casa Sottocorona, costruita nel 1924 come casa unifamiliare. Volumetricamente l’edificio è compatto e singolare è l’articolazione creata dalla sopraelevazione di una parte angolare, caratterizzata da una marcata decorazione: fregi e graffiti che corrono nel sottotetto, elementi geometrici circolari e poggiolo con balaustrini in pietra artificiale.

Edifici privati.