Liceo Stellini

Nel 1866 l’istituto venne intitolato a Jacopo Stellini, frate somasco cividalese docente di filosofia morale.

Abbiamo notizia dell’istituzione a Udine di una scuola pubblica di tipo letterario già dal 1297; essa operò fino al 1679, quando fu trasformata nel “Gymnasium Civitatis Utini”, gestito dai Padri Barnabiti, con il sostegno legale e finanziario del Comune di Udine fino a inizio Ottocento. Nel 1866 l’istituto, divenuto una Scuola del Regno Italico, venne intitolato a Jacopo Stellini, frate somasco cividalese vissuto tra il 1699 e il 1770, docente di filosofia morale. La costruzione dell’edificio odierno risale al 1915, ma la sua prima destinazione, a causa della guerra, fu di stampo militare: qui venne infatti ospitato il Comando Supremo italiano. Nel 1917-18, invece, l’immobile fu occupato dalle truppe tedesche, facendo ritorno alla sua funzione educativa solo dopo Caporetto. Anche nel corso del secondo conflitto mondiale la scuola venne occupata da truppe militari, tornando solo nel 1949 a riprendere, in maniera definitiva, la sua normale attività culturale. L’edificio subì ingenti lavori di ristrutturazione a seguito dei danni provocati dal terremoto del 1976 e, nel 1984, è stato di nuovo restituito, con strutture più moderne e funzionali, a studenti e docenti.