Giardino storico Giovanni Pascoli

Giardino di forte richiamo al giardino all'italiana.

Il Giardino Giovanni Pascoli, sito tra le vie Dante e Carducci, è stato realizzato, negli anni Trenta, su progetto di Ettore Gilberti (1876-1935). A partire dalla seconda metà dell’Ottocento, infatti, con la realizzazione della stazione ferroviaria si era avviato un processo di riqualificazione urbanistica e di abbattimento delle mura di Udine e così, a inizio Novecento, si rese disponibile questo sito. Nei primi decenni del XX secolo, infatti, si decise di spianare la cosiddetta Braida Arcoloniani, un appezzamento terriero di origine medievale, coltivato a frutta, vigne e ortaggi. Furono quindi tracciate le vie Dante e Carducci e sorsero numerosi nuovi edifici. Si decise dunque di ritagliare lo spazio necessario ad aggiungere un nuovo parco alla città. L’architetto incaricato, il Gilberti, pensò ad una sorta di piazza-giardino circoscritta e recintata, come luogo di sosta e di decoro urbano. Forte è il richiamo al giardino all’italiana, con l’organizzazione simmetrica lungo due aiuole di sempreverdi in asse – una ellittica e una circolare – lambite da viali curvilinei.