Casa Camavitto

Uno dei priimi esempi cittadini di architettura razionalista.

Casa Camavitto, eretta su progetto di Cesare Miani nel 1932, occupa un intero lotto d’angolo tra le vie Zanon e Muratti dove, fino al 1932, sorgeva la chiesa di S. Nicolò. Si sviluppa su quattro piani, destinati ad attività commerciali al pianterreno, e residenza ai piani superiori.  Le due facciate sono impaginate semplicemente, disponendo le aperture allineate su assi verticali e orizzontali; in corrispondenza dell’angolo l’edificio viene enfatizzato da un leggero arretramento delle facciate cui corrispondono, ad ogni piano, terrazzi in cemento armato decorati all’intradosso da motivi geometrizzanti realizzati ad incavo. Pur nella semplicità delle forme, l'edificio è importante perché rappresenta uno dei primi esempi cittadini di architettura razionalista.

Edificio privato.