la udine universitaria

Borghi Gemona e San Lazzaro

Superato piazzale Osoppo, dove si ammirano alcuni edifici di belle proporzioni e alcuni esempi di architettura razionalista, si arriva a piazzale Paolo Diacono, sede del Teatro Palamostre progettato dall'architetto Gianni Avon. Proseguendo si percorre via A. Lazzaro Moro che, assieme a via Superiore, faceva parte di un vecchio borgo ...

Superato piazzale Osoppo, dove si ammirano alcuni edifici di belle proporzioni e alcuni esempi di architettura razionalista, si arriva a piazzale Paolo Diacono, sede del Teatro Palamostre progettato dall'architetto Gianni Avon. Proseguendo si percorre via A. Lazzaro Moro che, assieme a via Superiore, faceva parte di un vecchio borgo popolare, contraddistinto da una peculiare struttura abitativa: casette dotate di cortili interni ed orti. Ritornati nel centro storico attraverso via Mantica, ci troviamo nella zona universitaria di Udine, con le sedi delle facoltà umanistiche ed il Rettorato. Questa zona è anche caratterizzata da alcuni degli edifici storici nobili più belli e monumentali della città. Tornando verso piazzale Osoppo si percorre via Gemona, dove si affaccia Palazzo Polcenigo-Garzolini, edificio settecentesco caratterizzato da un atrio a copertura vetrata di inizio Novecento. 

Leggi tutto Chiudi
i borgo degli innamorati

Borgo Pracchiuso

Partendo dal Teatro Nuovo Giovanni da Udine e percorrendo via Treppo, con le sue dimore private, si raggiunge il cuore della città, con via Vittorio Veneto, il Duomo e Piazza della Libertà. Risalendo poi via Manin e passando sotto l’unica delle porte ancora integre di quella che fu la ...

Partendo dal Teatro Nuovo Giovanni da Udine e percorrendo via Treppo, con le sue dimore private, si raggiunge il cuore della città, con via Vittorio Veneto, il Duomo e Piazza della Libertà. Risalendo poi via Manin e passando sotto l’unica delle porte ancora integre di quella che fu la terza cerchia muraria di Udine, si giunge a Piazza I Maggio. Da qui, attraverso via Liruti, si arriva nel cuore dell’antico Borgo Pracchiuso, dove sorge la Chiesa di San Valentino: qui, a partire dal XVII secolo, si festeggia il 14 febbraio la festa degli innamorati. 

Leggi tutto Chiudi
nel cuore di udine

Centro Storico e Castello

Con questo percorso entriamo nel vero e proprio cuore – storico, culturale e commerciale – della città di Udine. Partendo da Piazza I Maggio raggiungiamo via Mercatovecchio dove, come suggerisce il nome, si è tenuto a lungo il mercato della città: oggi questa via non tradisce la sua natura e conserva ancora ...

Con questo percorso entriamo nel vero e proprio cuore – storico, culturale e commerciale – della città di Udine. Partendo da Piazza I Maggio raggiungiamo via Mercatovecchio dove, come suggerisce il nome, si è tenuto a lungo il mercato della città: oggi questa via non tradisce la sua natura e conserva ancora, oltre a bellissimi edifici, anche un’anima commerciale. Da qui si procede per via Rialto e si giunge in Piazza XX Settembre, per poi risalire per via Savorgnana e raggiungere Casa Cavazzini e Palazzo D’Aronco sede del Municipio della città. In seguito si procede fino al Duomo, cuore della vita religiosa di Udine, per tornare alla piazza principale (della Libertà) attraverso un’altra arteria vivace com’è via Vittorio Veneto. Da Piazza Libertà, poi, si può finalmente salire al Castello, sede di numerosi musei e, soprattutto, punto di vista panoramico privilegiato su tutta la città di Udine. 

Leggi tutto Chiudi
a sud del centro storico

Borghi Grazzano e Aquileia

Partendo dalla Stazione Ferroviaria si sale verso via Roma fino a Piazza della Repubblica, attorno alla quale sono stati eretti numerosi edifici nella prima metà del Novecento. Da qui si giunge poi in via Grazzano, una delle strade più antiche della città, poiché era una delle vie inferiori che circondavano ...

Partendo dalla Stazione Ferroviaria si sale verso via Roma fino a Piazza della Repubblica, attorno alla quale sono stati eretti numerosi edifici nella prima metà del Novecento. Da qui si giunge poi in via Grazzano, una delle strade più antiche della città, poiché era una delle vie inferiori che circondavano il Castello di Udine. Attraverso via Beato Odorico da Pordenone, poi, si raggiunge il centro della città, per ridiscendere in seguito verso la stazione percorrendo via Aquileia: la strada che dalla piazza sotto il Castello (Piazza della Libertà) conduceva a sud. Questa via è da sempre intitolata ad Aquileia perché è là che conduceva.

Leggi tutto Chiudi
la udine liberty

Borghi Villalta e Poscolle

Questo percorso parte da Piazzale XXVI Luglio, il luogo del ricordo e della commemorazione della Resistenza, per proseguire alla scoperta di alcuni luoghi di archeologia industriale – Palazzo Moretti, Distilleria Canciani e Cremese, Palazzina Dormisch – che testimoniano come Udine fosse una città in pieno sviluppo economico a inizio Novecento. Rientrati poi ...

Questo percorso parte da Piazzale XXVI Luglio, il luogo del ricordo e della commemorazione della Resistenza, per proseguire alla scoperta di alcuni luoghi di archeologia industriale – Palazzo Moretti, Distilleria Canciani e Cremese, Palazzina Dormisch – che testimoniano come Udine fosse una città in pieno sviluppo economico a inizio Novecento. Rientrati poi all’interno della cerchia muraria, attraverso la Torre di Porta Villalta, e percorrendo l’omonima via, si giunge nel centro della città, ed in particolare in Piazza Matteotti, luogo di ritrovo degli udinesi con i numerosi locali che si affacciano sullo spiazzo che ospita, ancora oggi, il mercato cittadino. Di qui, attraverso la galleria dello shopping (Galleria Il Lavoratore o Bardelli) si giunge in via Poscolle. 

Leggi tutto Chiudi