09-10-2015
tmpbNgLOn

S. Osvaldo, Comune e Ater aderiscono al Tavolo sulla rigenerazione creativa

Promuovere progetti di riqualificazione e di riconversione funzionale di alcuni spazi ed edifici del quartiere di S. Osvaldo. Con questa “mission” anche il Comune di Udine parteciperà, insieme con l’Ater, al Tavolo sulla rigenerazione creativa promosso dall’Anci a livello nazionale. Partendo dalle esperienze maturate in questi anni con l’ufficio Agenda21, il capoluogo friulano ha avviato una partnership con l’Agenzia territoriale per l’edilizia residenziale di Udine per cogliere le opportunità offerte da questa nuova iniziativa dell’Anci.

“L’amministrazione comunale, d’intesa con l’Ater, ha volutamente scelto il quartiere di Sant’Osvaldo per realizzare questi progetti – spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Pierenrico Scalettaris –. Si tratta di un quartiere che ha avuto una grande crescita demografica negli ultimi anni e sul quale insistono alcune tra le più grandi aree dismesse della città (ex Safau, caserma Piave, sedime ferroviario Udine – Cervignano). Per queste ragioni abbiamo voluto puntare su questa zona per lavorare non solo con progetti di più ampia portata, come quello della realizzazione della rotatoria da poco inaugurata tra via Pozzuolo e via della Valle o quelli per la riqualificazione della Caserma Piave, ma anche con interventi più contenuti, ma proprio per questo più rapidi e con un impatto positivo e senz’altro immediato sulla vivibilità dell’area”.

Con la sua adesione l’Ater si rende disponibile a valutare progetti di riqualificazione e riconversione di alcune palazzine del quartiere di S. Osvaldo per ospitare iniziative di promozione e supporto alla creatività giovanile, quali a esempio, le “residenze di artisti”. Si tratta in particolare di 19 strutture da ricollegare ai principali punti di riferimento di quest’area della città, come gli orti urbani di via Zugliano, l’auditorium Menossi, la palestra Vecchiato, le scuole, l’oratorio e altri spazi pubblici inutilizzati. In quest’ottica Comune e Ater hanno stretto un patto per realizzare “una proposta di intervento – si legge nella delibera con la quale lo scorso 22 settembre la giunta comunale ha approvato l’adesione al Tavolo sulla rigenerazione creativa – riguardante l’ambito di via Rivolto situato all’incrocio tra le vie Pozzuolo, Bertiolo e 3 novembre 1918 al fine di valorizzare l’area stessa quale caso studio di innovazione sociale, anche attraverso interventi di riqualificazione e rifunzionalizzazione di immobili pubblici”.

#news