21-12-2015
tmpQYG5q

Progetto “C.A.S.P.E.R.”, inaugurato il nuovo cortile della Dante

Il cortile visto come elemento integrato al territorio circostante e non più come spazio impermeabile a fattori esterni. Uno spazio dedicato non solo ai ragazzi, ma fruibile anche a tutta la cittadinanza. Piccoli “polmoni verdi” messi a disposizione di nonni, giovani, associazioni, cittadini che, dopo le lezioni e oltre i tempi classici della didattica, potranno godere di una nuova area verde attrezzata.

Iniziati il 22 ottobre scorso, sono stati inaugurati lunedì 21 dicembre i lavori alla scuola primaria “Dante Alighieri” a Udine. Interventi che, grazie alla sinergia tra l’assessorato all’Educazione, Sport e Stili di Vita e quello all’Ambiente hanno realizzato diverse strutture sportive e trasformato il cortile della scuola cittadina in un luogo dove praticare sport all’aria aperta e, al contempo, spazio di aggregazione.

“Sono molto soddisfatta – spiega l’assessore all’Educazione, Raffaella Basana – per questo primo intervento che migliorerà innanzitutto l’offerta didattica scolastica, ma che consentirà anche, nel prossimo futuro di offrire spazi di gioco e sport per tutti i cittadini. In questo modo – prosegue – la città guadagna ancora in salute. Non appena conclusi i lavori, infatti, prevediamo, forse già in primavera o estate, l’apertura sperimentale al pubblico del giardino della Dante in orari non scolastici così da favorire stili di vita sani e occasioni di svago e benessere in nuovi spazi urbani. In futuro, in accordo con le istituzioni scolastiche – annuncia –, potremmo prevedere l’apertura alla cittadinanza anche di altri cortili scolastici”.

C.A.S.P.E.R., ovvero “Cortili ed Aree Scolastiche Pubbliche Ecosostenibili e Riqualificate”, questo il nome del progetto, è il progetto sperimentale che prevede l’apertura al pubblico, una volta riqualificate, le aree verdi e i cortili delle scuole cittadine. Soddisfazione per l’iniziativa anche da parte dell’assessore alla Mobilità e Ambiente, Enrico Pizza. “Aprire e rendere fruibile il patrimonio verde di Udine – dichiara – arricchisce senza dubbio l’intera città. Ben vengano, dunque, iniziative come questa che coniugano educazione, sport, stili di vita sani e il grande patrimonio verde che la città mette a disposizione di tutti”.

“Il cortile scolastico – chiarisce il sindaco di Udine, Furio Honsell – può diventare un luogo dove sperimentare l’integrazione fra le persone, fra le istituzioni e la città. Uno spazio dove le famiglie che frequentano la scuola, e non solo quelle famiglie, possano attivamente partecipare ad un’azione di cittadinanza vivace e consapevole volta a migliorare da un lato il luogo ricreativo dove i bambini e i ragazzi passano parte del loro tempo e, dall’altro, l’intero quartiere”.

La cerimonia di apertura svoltasi stamani, ha visto la presenza, oltre che delle autorità, anche dei bambini e delle maestre della Dante e delle adiacenti classi della Garzoni che sperimentano il metodo “Montessori”, dei tecnici comunali, della professoressa Norina D’Angelo in rappresentanza del III istituto comprensivo, di rappresenti della Uisp Fvg (Federica Rossi) e dell’ufficio provinciale Educazione Motoria Fisica e Sportiva (Claudio Bardini).

Diversi gli interventi realizzati e coordinati dal Servizio Infrastrutture I del Comune. Nel cortile della Dante, infatti, hanno trovato posto una pista da corsa con tappetino in erba sintetica di colore rosso e 3 corsie per una lunghezza di oltre 45 m. I bambini potranno anche divertisti con un campo da basket di 12 metri per 8 con un canestro regolabile in altezza, così come uno per la pallavolo e per il calcetto, con i campi di 14 metri per 7 semplicemente disegnati sul terreno mediante un profilo in ferro piatto, zincato e verniciato. Ma nel restaurato giardino sarà possibile anche praticare il fitness, grazie a tre attrezzature costruite in metallo e altri materiali non deperibili e posizionate su una superficie antitrauma realizzata in ghiaino.

Le ditte esecutrici dei lavori, per un importo complessivo di 49 mila 760 euro, sono state la Bauma Sportimpanti s.r.l. di Villaorba di Treviso (per la pista di corsa), la TLF s.r.l. di Chiusi della Verna di Arezzo (per la fornitura delle attrezzature per il fitness) e la Adami Montaggi s.a.s. di Adami Vanni & C. di Povoletto (per la realizzazione del campo di basket, della delimitazione in cemento dei campi di calcetto e pallavolo, posa delle attrezzature per il fitness e sistemazione finale con ghiaino).

#news