04-10-2017
tmpLPiLNP

Lascito di Toppo Wassermann: 4 borse di studio da 5 mila euro

Leonardo Brotto, Simone De Marco, Hawa Oumou Diallo, Katia Sorrentino. Sono questi i nomi dei quattro vincitori delle borse di studio da 5 mila euro ciascuna messe in palio dal Comune di Udine grazie ai fondi del legato di Toppo Wassermann. La cerimonia di consegna dei riconoscimenti si è svolta mercoledì 4 ottobre a palazzo D’Aronco. «È una grande soddisfazione poter assegnare queste borse di studio al termine di un complesso percorso di attualizzazione delle destinazioni dei fondi del lascito – sottolinea l’assessore all’Educazione, Sport e Stili di vita, Raffaella Basana –. Siamo felici di poter sostenere nello studio alcuni giovani meritevoli e in situazione di svantaggio economico contribuendo alla loro crescita formativa e realizzazione personale. Ringrazio gli uffici comunali e tutto il Consiglio comunale che con il suo voto ha permesso il riutilizzo di questi fondi dopo oltre 10 anni».

Alla cerimonia di consegna erano presenti anche il docente dell’Università di Udine, Paolo Strazzolini, già autore del libro “Istituto di Toppo Wassermann. Un progetto per il Friuli”, e una rappresentanza dell’associazione Apriamo il paracadute, che da alcuni anni lega al nome di Toppo Wassermann un prestigioso riconoscimento. «Vi faccio i miei complimenti – ha affermato il presidente del Consiglio comunale, Carmelo Spiga, rivolgendosi ai quattro ragazzi – e vi esorto a considerare questo premio anche come un impegno a dare il meglio di voi nello studio e nella vita per contribuire a un futuro di pace per il nostro Paese e per tutto il mondo».

I quattro premi in denaro del valore di 5 mila euro ciascuno sono andati quindi a quattro studenti dell’Università di Udine: Leonardo Brotto, residente a Mereto di Tomba e iscritto alla facoltà di Ingegneria elettronica; Simone De Marco, residente a Udine e iscritto alla facoltà di Educazione professionale; Hawa Oumou Diallo, residente a Udine e iscritta alla facoltà di Medicina; Katia Sorrentino, residente a Tavagnacco e iscritta alla facoltà di Lettere.

Il bando, interamente finanziato grazie alla rendita del lascito di Toppo Wassermann, era riservato ai residenti in un Comune del territorio della provincia di Udine, iscritti al 1° anno di corso presso l’ateneo friulano o al 1° anno di un corso post-diploma presso Istituti Tecnici Superiori di Udine, che avessero conseguito la maturità con una votazione finale non inferiore ad 81/100. Era richiesto inoltre un reddito Isee non superiore a 23.099 euro.

 

#news