10-05-2017

La contrattazione a distanza fra diritto uniforme e regole singolari

“La contrattazione a distanza fra diritto uniforme e regole singolari”. È il tema dell’incontro di studi, promosso da Università di Udine e Federconsumatori Friuli Venezia Giulia, che si terrà giovedì 11 maggio, dalle 16, nella Sala del Consiglio del Palazzo di Toppo Wassermann (via Gemona 92, Udine).

Il convegno, organizzato dal Dipartimento di Scienze giuridiche (Disg), si inserisce in una serie di iniziative che Dipartimento e Federconsumatori Fvg stanno realizzando per sensibilizzare il territorio verso le questioni di maggiore attualità attinenti al diritto dei consumatori.

I lavori saranno introdotti e coordinati da Silvia Bolognini dell’Ateneo friulano. Interverranno, in qualità di relatori, Martin Schmidt-Kessel, dell’Università di Bayreuth; Elisabetta Bergamini e Francesco Bilotta dell’Università di Udine; Tereza Pertot e Luca Ballerini, avvocati rispettivamente del Foro di Trieste e di Pordenone. Concluderà i lavori Barbara Puschiasis, presidente di Federconsumatori Fvg.

«Prendendo le mosse dalla consapevolezza che negli ultimi decenni in molti settori merceologici si è assistito a un mutamento radicale delle modalità attraverso le quali si addiviene alla conclusione dei contratti, soprattutto di compravendita, business to consumer, il convegno mira ad approfondire alcune delle questioni più rilevanti in materia di contrattazione a distanza e commercio on line», spiega Silvia Bolognini, componente del Comitato scientifico insieme a Barbara Puschiasis.

«In questo senso – sottolinea Bolognini –, l’incontro di studi si propone come una sorta di continuazione del precedente convegno organizzato dal Dipartimento di Scienze giuridiche il 30 settembre scorso, su “I nuovi profili della contrattazione e distanza” e mira ad ampliare la discussione, focalizzando l’attenzione anche sull’evoluzione normativa in atto. In tale prospettiva, la presenza del professor Martin Schmidt-Kessel dell’Università di Bayreuth, uno dei massimi esperti europei in materia, è motivo di grande orgoglio per il nostro Dipartimento».

Il convegno è patrocinato dall’Ordine degli avvocati di Udine, dalla Camera civile degli avvocati di Udine e dalla sezione di Udine dell’Associazione italiana giovani avvocati (Aiga). L’Ordine degli avvocati riconoscerà tre crediti formativi non obbligatori ad avvocati e praticanti abilitati che parteciperanno all’evento.