08-10-2015
c.jpg

Grande Guerra, Udine diventa cantiere di un’opera d’arte collettiva

Nell’anno del centenario dallo scoppio del primo conflitto mondiale la Grande Guerra diventa il tema centrale di una grande opera d’arte collettiva. Venerdì 9 e sabato 10 ottobre Udine trasformerà alcuni dei suoi luoghi in uno spazio laboratorio dove chiunque lo desideri potrà contribuire a un’azione pittorica collettiva.

L’iniziativa, curata dall’associazione culturale Etrarte per il progetto “Storie in corso”, realizzato dall’assessorato alla Cultura del Comune di Udine in collaborazione con molte realtà della città, permetterà, attraverso un medium digitale, di comporre immagini astratte e policrome sul tema della Grande Guerra. L’opera d’arte sarà il frutto delle interazioni fra il punto di vista dell’artista e l’interpretazione soggettiva di ogni singola persona coinvolta nel processo. “È un progetto artistico molto interessante – sottolinea l’assessore alla Cultura del Comune di Udine, Federico Pirone – perché mette in contatto la memoria della Grande Guerra con il sentire del presente espresso da persone comuni. L’iniziativa, che avrà un taglio interculturale, fa parte del programma di eventi proposti dall’assessorato alla Cultura per il centenario dello scoppio della prima guerra mondiale”.

I “direttori d’orchestra” di questa riflessione collettiva saranno gli artisti sloveni BridA (Tom Kerševan, Sendi Mango e Jurij Pavlica), che porteranno a Udine la loro piattaforma Modux. Dopo essere stati invitati da alcune fra le più importanti esposizioni internazionali di arte contemporanea come Karlsruhe (ZKM, 2006), Kassel (2008) e Linz (Ars Eletronica, 2009) ed aver portato Modux alla Tate Gallery (St Ives, 2013) e al Kalmar Konstmuseum (2015) quello di Udine è il loro primo esperimento legato alla Grande Guerra.

I BridA, segnalati dal curatore dei Civici Musei di Lubiana, Blaž Peršin, sono stati accompagnati dal curatore scientifico della manifestazione “Storie in corso”, Luca Giuliani, nella selezione di un tema portante per il loro intervento, ovvero l’idea di Umanità rispetto al tema della guerra. Venerdì 9 ottobre i BridA saranno ospiti di due istituti scolastici, la scuola secondaria di primo grado “A. Manzoni” e l’istituto statale d’arte “G. Sello”. Sabato mattina, 10 ottobre, saranno presenti invece dalle 10.30 alle 12:30 al mercato di viale Vat, mentre nel pomeriggio incontreranno la cittadinanza in piazza XX Settembre dalle 16 alle 18. Per maggiori informazioni è possibile scrivere a etrarte@associazionetrarte.it.

 

#eventi