01-03-2019
tmpbhLli9

Dinamiche di imprese e imprenditori in FVG al Cantiere Friuli di Uniud

“Dinamiche di imprese e imprenditori in Friuli Venezia Giulia” è il titolo dell’incontro pubblico organizzato dall’Officina Nuovi fattori produttivi e nuova imprenditorialità del dell’Università di Udine, in collaborazione con la Camera di commercio di Pordenone e Udine, che si terrà giovedì 7 marzo dalle 16.30 alle 18.30 nella sala Valduga della Cciaa in piazza Venerio a Udine.
 
Al centro dell’incontro, un confronto sui dati raccolti ed elaborati nell’ambito del progetto di Cantiere Friuli, in collaborazione con l’ente camerale, sull’evoluzione del tessuto imprenditoriale regionale dal 2004 al 2017. L’indagine verrà commentata da tre studiosi, la prof.ssa Eleonora Di Maria, docente associata di Business management, il prof. Francesco Marangon, ordinario di Economia ed estimo rurale (DIES) e la prof.ssa Simonetta Minguzzi, ordinario di Archeologia cristiana e medioevale (DIUM), e poi discussa in una tavola rotonda con imprenditori e istituzioni economiche regionali.
 
Alle 16.30, gli indirizzi di saluto e l’introduzione ai lavori con gli interventi del prorettore dell’Ateneo, Angelo Montanari del coordinatore del Cantiere Friuli Mauro Pascolini, e del presidente della Cciaa di Pordenone e Udine, Giovanni Da Pozzo. A seguire gli interventi di Maria Chiarvesio, professoressa associata di Economia e gestione delle imprese al Dipartimento di scienze economiche e statistiche e Andrea Moretti, ordinario di Economia e gestione delle imprese nello stesso dipartimento.
 
Sarà Paolo Ermano, ricercatore di Economia applicata (DIES) a presentare poi i dati sull’evoluzione del tessuto imprenditoriale in Friuli Venezia Giulia. A seguire la discussione e la tavola rotonda che vedrà tra i protagonisti Paolo Vidali, Fondo Audiovisivo FVG, Fabio Passon del Gruppo Giovani imprenditori Cciaa di Pordenone e Udine, Davide Petraz della GLP, Claudio Filipuzzi del Cluster Agroalimentare FVG e Giovanni Saragò – Wartsila.

Il coordinatore del Cantiere Friuli, Mauro Pascolini rimarca che con questa iniziativa si pone un altro tassello nella costruzione del progetto rivolto al Friuli e, in particolare, «si pone attenzione sul tessuto imprenditoriale sia per rendersi conto della non facile situazione attuale, ma pure per leggere le potenzialità e gli aspetti innovativi che già costituiscono e che possono costituire il futuro produttivo della regione, coinvolgendo anche le risorse umane che vengono formate nell’Università del Friuli».