09-02-2019
tmpCzaIST

Cerimonia del Tocco 2019 per i nuovi professori e ricercatori. Oltre 80 i premiati

L’Università di Udine si appresta a celebrare la terza edizione della attesa Cerimonia del Tocco, rivolta ai nuovi professori ordinari, associati e ricercatori dell’Ateneo, di provenienza sia interna sia esterna, ma anche al personale tecnico amministrativo neoassunto. L’evento – per oltre 80 premiati - è in programma mercoledì 13 febbraio, alle 11, nell’aula intitolata al prof. Marzio Strassoldo in via Tomadini 30/a a Udine.
 
Il tocco è il copricapo che simboleggia l’ingresso nel mondo accademico. La cerimonia del Tocco rappresenta sia un segno di benvenuto per i nuovi ricercatori, professori e per il personale tecnico amministrativo, sia un riconoscimento per l’avanzamento di carriera. È un momento solenne volto a sottolineare il senso di appartenenza all’Ateneo. Per sottolineare tutto questo, il Rettore Alberto De Toni consegnerà a ciascun premiato un simbolo personalizzato e differenziato.
 
Il personale andato in quiescenza riceverà il sigillo dell'Ateneo friulano, un riconoscimento per il contributo dato in questi anni al progresso dell'Università.
 
Ai nuovi tecnici amministrativi e per gli avanzamenti di carriera oltre che ai nuovi docenti e per l’avanzamento di carriera ai ruoli di professore associato e ordinario, il rettore consegnerà una speciale medaglia commemorativa in alluminio che, oltre al nome impresso sul retro insieme alla data di presa di servizio, presenta al centro un simbolo differenziato per fascia di appartenenza.
 
Per i tecnici amministrativi è stato realizzato un sigillo smaltato dell’Ateneo friulano. Per i ricercatori è stato scelto il volto di Leonardo Da Vinci, una mente geniale che non aveva intrapreso una carriera come accademico “strutturato” e che quindi ben rappresenta lo spirito di un giovane ricercatore. Per i professori associati è stata scelta, invece l’immagine del tocco accademico e del rametto di alloro, mentre per i professori ordinari la riproduzione della cattedra originale di Galileo. Le medaglie, frutto di un lungo lavoro di sperimentazione, sono state realizzate per l’occasione dal Laboratorio di meccatronica avanzata del Friuli Venezia Giulia (Lama FVG) che ha sede nel polo scientifico dell’Università.
 
In chiusura, alle 12.30 circa, il “Gaudeamus” cantato dal Coro dell’Università di Udine. Alla cerimonia, aperta al pubblico, è invitata a partecipare tutta la comunità accademica.