23-02-2017

Cercare lavoro: si presenta il metodo “Scintilla e Mattone”

lavororitAttivare una mentalità propositiva per trovare un posto di lavoro. È quanto si propone il progetto sociale “Scintilla e Mattone” dell’Istituto Gestalt Trieste, che sarà presentato sabato 25 febbraio alle 11 nel salone del Popolo di palazzo D’Aronco a Udine. L’iniziativa, che coinvolge l’intero Friuli Venezia Giulia e il Trentino Alto Adige con 7 sedi operative, permette di apprendere una nuova ‘forma mentis’ necessaria a recuperare motivazione, fiducia in se stessi e ad acquisire i primi passi per rimettersi in gioco sul piano lavorativo. A illustrare i contenuti dell’iniziativa l’assessora alle Pari Opportunità del Comune di Udine, Cinzia Del Torre, e la responsabile Facilitatori IGT area Udine, Chiara Mazzanti.

Il Comune di Udine, attraverso l’assessorato alle Pari Opportunità, infatti, sostiene e promuove il progetto. «Qualsiasi percorso scolastico una persona abbia fatto, raramente a scuola gli viene insegnato un metodo per cercare lavoro – osserva Del Torre –. Il progetto formativo “Scintilla e Mattone” si è dimostrato molto utile ed efficace per coloro che l’hanno frequentato in passato. Un corso avrà luogo alla Casa delle Donne e sarà riservato al donne che, nel mercato del lavoro, hanno spesso maggiori difficoltà di assunzione ed esigenze di conciliazione dei tempi di lavoro con quelli della vita privata familiare».

Il metodo ideato da Paolo Baiocchi, medico psichiatra, psicoterapeuta e direttore dell’Istituto, è raccolto nel libro ‘Gestalt Empowerment-Manuale per una rivoluzione culturale’ e parte dal presupposto del gruppo: persone accomunate dallo stesso problema che si danno una mano nella logica del mutuo aiuto. Si lavora in gruppi da 6 a massimo 12 persone con l’intervento di un ‘facilitatore’, uno psicoterapeuta o un Gestalt counsellor, adeguatamente formato.

Il percorso è gratuito e comprende una prima fase, la parte ‘Scintilla’, il cuore del percorso, che permette di apprendere le procedure mentali per focalizzare i nodi personali e le potenziali vie di uscita. Prosegue poi con una fase ‘Raccordo’ che accompagna i partecipanti allo step più operativo: la ricerca del lavoro vera e propria. L’efficacia del metodo è stata verificata dal test scientifico che ha sondato le capacita dei singoli di affrontare gli ostacoli più complessi e lo stato psicologico individuale.

Dai risultati emerge che i partecipanti confermano di sentirsi più ‘efficaci’ in relazione a tutta una serie di approcci, come l’intraprendenza e lo stare con gli altri, riconoscendo una diminuzione di tensione, ansia, avvilimento, rabbia, indolenza, confusione. È noto infatti che lo stato di disoccupazione oltre a creare problematiche dal punto di vista economico, ha un notevole impatto psicologico ed emozionale creando nelle persone svalutazione, disturbi depressivi e talvolta aggressività. Ai gruppi ‘Scintilla e Mattone’ possono partecipare persone di tutte le età e una persona su quattro trova lavoro già durante la fase ‘Scintilla’.

Per informazioni è possibile telefonare al numero 3299766707 o inviare una email all’indirizzo ud@scintillaemattone.it e consultare il sito www.scintillaemattone.it.

 

#news